“Signorina, ma lei non la vede la paletta?”

Certe volte penso che ci siano cose che solo io e la mia Twingo d’un nero cattivo possiamo fare.
Prendi giovedì sera scorso, sull’A1 in direzione Firenze (ma dai). Poco dopo Orvieto, mezzanotte passata, parlavo al telefono, dotata ovviamente di auricolare. Presa dal discorso ad un tratto vedo una macchina della polizia che mi affianca, senza sirene ma solo con le luci accese. Mi rallenta accanto, ma avendo come abitudine quella di guardare avanti quando guido, non ci faccio caso. Mi si piazza davanti. E io continuo a non capire. E’ notte, e ho il vetro sporco (e il cofano bianco) per via di uno spargisale dietro il quale sono stata per lungo tempo causa strada ghiacciata e prestazioni delle ruote non proprio da rally. “Ma secondo te, una macchina delle polizia che mi si pianta davanti, vuol dire che mi vogliono controllare?” dico a chi sta all’altro capo del telefono. Decido di verificare e metto freccia per il sorpasso. E zac, fanno per bloccarmi. Ok, ho capito, ce l’hanno con me. Uff, che c’è ora. Li seguo nella piazzola di sosta.  Accosto, abbasso il finestrino: “Ah ecco, volevate me”? (Dile, che cacchio dici)
“Signorina, ma lei la paletta non la vede?”
“No, in realtà no. Con il buio no, e mi stavo chiedendo se quella luce fosse indirizzata verso di me” (Dile, basta, dì che accosti). “Accosto eh”.
“Sì”.
(Uff, e ora che vorranno?)
“Vabbé, vediamo i documenti”.
Tiro fuori la patente, che ce l’ho nell’apposito portafoglio carte nella borsa. “Ecco”.
“E’ sua la macchina”?
“No, di mio padre”
“Da dove viene?”
“Roma”.
“Che lavoro fa?”
“Giornalista. Sto tornando a casa per il weekend” (le so, tutteeeee!)
E intanto cerco il borsello del libretto.  Sotto il mio sedile, niente. (Dile, tranquilla, lo tieni sempre allo stesso posto, non è che abbia le gambe, tranquilla, cerca bene).
“Ehm, aspetti che scendo eh”.
“Sì”.
“Sa, lo nascondo di solito, che non si sa mai”.
“Certo, fa bene, a Roma poi…”.
Trovato, era sotto l’altro sedile.
“Eccolo”.
Qualche altra domanda, e poi: “Signorina, lei ha un faro che non funziona”.
“Eh no! Guardi, fa contatto. Ho due lampadine Renault da 20 euro sotto il volante, ma quando stavano per cambiarla, mi hanno detto che fa contatto e basta. Aspetti che provo a dargli una botta”.
Cerco di aprire il cofano, ma è incastrato.
“Senta, non mi si apre, può provarci lei”? E scendo di nuovo dall’auto.
“Eh vabbè…”
Vado per disincastrare la levetta, ma il cofano è pieno di sale (vedi sopra).
“Lasci lasci, che si sporca, faccio io”. Apre, è da due botte al faro. Niente.
“Vabbè senta, già che c’è lei, mica me la cambierebbe? Ce le ho nuove, 20 euro di Dio, almeno la mettiamo”.
“E mettiamola, mi faccia vedere”. Prendo la lampadina. “Mi tenga la torcia su”.
Fa per cambiarla, e si riaccende quella vecchia.
“Lo vede, gliel’avevo detto! Fa difetto, credo che andrò dall’elettrauto a questo punto”.
“Ma guardi lei, dovevo farle la contravvenzione e mi trovo a cambiare lampadine”. Rido. Che devo fare, rido, in effetti la situazione è comica.
“E dove lavora lei”?
“DNews. E’ di Roma lei?”
“No, Orvieto”.
“Ah allora non ci conosce, noi siamo su Roma, Milano, Bergamo e Verona”.
Qualche altra chiacchiera e poi: “Vabbene via…”
“Senta, ora che lei va avanti, mi dica se fa problemi il faro eh”.
“Va bene, certo che potrebbe almeno offrirci il caffè! ”
“Ah guardi, io l’ho già preso, ma se vuole… ”
“No no… ” Stavolta ride lui, mentre quello che è rimasto in macchina ha una faccia perplessa.
“Arrivederci allora, buona notte”.
“Buona notte”.

E io, con la mia Twingo d’un nero cattivo, riprendiamo la strada. E lei ha un musetto che sorride, lo so.

A1

  • Myriam

    che teppa :)

  • Diletta

    what’s teppa??? mi devo preoccupare?

  • Myriam

    nooooo :) equivale a piccola canaglia ;) si dice riferito ai bambini, in genere :)

  • Diletta

    ahahha, ma allora è bellissssimo! mi piace mi piace! qualcuno mi chiamò “mina vagante”… non aveva tutti i torti, ehehhe

  • Myriam

    la scena è troppo carina :)

  • http://24fotogrammi.wordpress.com/ 24 fotogrammi

    Solo tu potevi trasformare un poliziotto in un meccanico!!
    (Il massimo che ci riesce di fare con gli uomini, altro che ranocchio/principe)

  • http://juepsblog.blogspot.com/ Juep

    A voi donne va sempre così con le forze dell’ordine…

  • Diletta

    nein, sono alle più simpatiche :)